Aziende

Lunedì, 14 Settembre 2015 15:53

Una grande festa per i 130 anni di SEBASTE

Scritto da Tiziana Tesio

Lo storico torronificio di Grinzane Cavour ha celebrato 130 anni di tradizione

 FAMIGLIA SEBASTE

 

I festeggiamenti dei 130 anni di attività e l'ingresso in azienda della quinta generazione con un convegno e una grande festa nel centro di Alba: Sebaste fa parte della storia di un territorio, più che un'impresa è un mito!

 

Le tradizioni, le radici, la bellezza del territorio, la fantasia e il desiderio di innovare: con la consapevolezza che la forza di una piccola media impresa è nella capacità di non essere soli, di affrontare le sfide del futuro contando sui legami famigliari e sul radicamento che la stessa azienda ha saputo costruire sul
territorio. È con questo spirito che Sebaste, lo storico torronificio di Grinzane Cavour, nella serata di venerdì 11 settembre ha voluto festeggiare, ad Alba, i 130 anni di storia che legano la famiglia e l'azienda alla propria terra d'origine. Un racconto che, da oltre un secolo, continua la passione del suo fondatore, Giuseppe Sebaste.


Inizia la storia nel 1885, quando il sig Giuseppe decide di produrre il torrone utilizzando le straordinarie nocciole del Piemonte e non, come allora si usava, le ben più costose mandorle del Sud Italia. Una scelta che, dettata da necessità, nel corso degli anni è diventata il segno distintivo dell'azienda, portando la Sebaste ad essere uno dei brand del torrone più riconosciuti a livello nazionale e internazionale.

 

I festeggiamenti dello storico torronificio sono stati l'occasione per celebrare un altro straordinario evento: l'ingresso in Sebaste della quinta generazione, rappresentata da Matteo Rossi Sebaste, che nel 2015 ha cominciato ad affiancare la madre Egle e il nonno Dario in azienda, e la sorella Lucia, neo laureata in
Tecnologia alimentare.

 

IL CONVEGNO -

La festa di venerdì 11 settembre è stata inaugurata alle ore 18 dal convegno Etica del territorio e della piazza, che ha visto salire sul palco del teatro "G.Busca"di Alba le ultime tre generazioni della famiglia Sebaste in un serrato dialogo con Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, Marina Puricelli, docente presso l'Università Bocconi di Milano e Gianni Martini, giornalista de La Stampa.

 

«Non mollare mai la presa, non mollarla mai», sono queste le parole con cui ha esordito Dario Sebaste, classe 1932, salutato da una commuovente standing ovation di una sala gremita. «E prestare sempre la massima attenzione alla qualità del prodotto. È questo l'augurio che voglio trasmettere ai miei nipoti, Matteo e Lucia, che oggi sono pronti a raccogliere un testimone con oltre 130 anni di tradizione».

 

Una tradizione che, nel corso del convegno, è stata raccontata anche attraverso le parole del libro di Alessandra Demichelis N.N. Storie di trovatelli in provincia di Cuneo tra Ottocento e Novecento, dove compare un magistrale ritratto di Giuseppe Sebaste, abbandonato nel 1861, anno della sua nascita, alle cure dell'ospedale di Bra. Quello stesso trovatello che, diventato adulto, decise di trasferirsi da Torino a Grinzane Cavour, in frazione Gallo, paese dal cui nome trasse il simbolo che ancora oggi capeggia sul torrone Sebaste.

 

«La Sebaste rappresenta il modello della piccola media impresa italiana», ha commentato Marina Puricelli, docente bocconiana. «Un'impresa cioè che si fonda su caratteristiche peculiari: la tradizione familiare, la specializzazione su di un prodotto manifatturiero, la capacità di innovazione e la dimensione provinciale.
Una dimensione che non deve essere considerata con sospetto, ma che, al contrario, diventa storia, consapevolezza di appartenere ad un territorio, radici», ha continuato la Puricelli. «La dimensione provinciale della Sebaste è la forza che può differenziare questa azienda da tutte le altre, diventando un valore seducente e fortemente identitario».

 

Un concetto che Carlo Petrini ha così ribadito:

«La Sebaste per me ha sempre rappresentato la Pasqua, il momento in cui, da bambino, andavo a comprare il torrone. Ovunque ci fosse una festa, nei paesi di Langa, il simbolo del gallo svettava dai banchi ambulanti.

La storia della Sebaste è così radicata nei nostri ricordi che
smette di essere un'impresa commerciale per assumere le forme del mito».

 

Al termine del convegno, Franco Biraghi, presidente di Confindustria Cuneo, ha premiato Dario Sebaste con una targa che riconosce alla famiglia Sebaste il merito di aver dato vita ad un'impresa vicina alla gente, gestita secondo valori di onestà, sobrietà e attaccamento al territorio.

«Il futuro della Sebaste, pur nella continuità, è dinamico, in continua evoluzione», conclude Matteo Rossi Sebaste, quinta generazione. «Vedo all'orizzonte nuove prospettive per ampliare il nostro radicamento sul territorio e, nel contempo, consolidare le nostre posizioni all'estero. Il mio motto è espresso da un aforisma di  Victor Hugo: "Fate come gli alberi: cambiate le foglie e conservate le radici"».

condividi:

FacebookTwitterGoogle BookmarksRedditLinkedinPinterest

 

PIEMONTE TERRA DEL GUSTO

Il gusto per lo stile, il gusto per l'arte, il gusto per il buon cibo, il gusto per la musica, il gusto per le bellezze architettoniche, il gusto per la storia, il gusto per la contemporaneità, il gusto per il teatro, il gusto per la danza, il gusto per il paesaggio, il gusto per il bello, il gusto per l'ecologia, il gusto per il territorio, il gusto delle emozioni...

LEGGI TUTTO

COLLABORA CON NOI

Piemonte Terra del Gusto è sempre alla ricerca di collaboratori che come noi condividano passione ed interesse per la Cultura e il Territorio. Se sei un agente pubblicitario, un'azienda, un coordinatore di un gruppo turistico, oppure ancora un blogger con idee, corsi, eventi da proporre e organizzare...

SCRIVICI ORA

CONTATTI

Per promuovere la propria attività, per organizzare o divulgare un evento o notizie che riguardano iniziative sul territorio piemontese, italiano ed Estero, o per qualsiasi altra informazione sulla nostra piattaforma web...

SCRIVICI ORA

Copyright © 2019 Piemonte Terra del Gusto. È assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del materiale pubblicato, loghi, grafica, immagini, testi.

PIEMONTE TERRA DEL GUSTO E' UN MARCHIO REGISTRATO C.C.I.A.A. N° 000164896

Piemonteterradelgusto.com non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Ogni autore è direttamente responsabile di ciò che scrive negli articoli e nei commenti.

Powered by SitoPerTe.com & Joomla-sitiweb.com

Questo sito utilizza cookies. Continuando con la navigazione accetti implicitamente il loro uso.

Maggiori informazioni Ok Declino