Stampa questa pagina
Giovedì, 29 Giugno 2017 13:31

CA’ MARIUCCIA FOLK FESTIVAL

Scritto da Piemonte Terra del Gusto

CA' MARIUCCIA FOLK FESTIVAL: una rassegna dedicata alla musica folk e alle danze popolari

Il 14, 15 e 16 luglio 2017, Albugnano (To) - 

 

Oltre al lavoro e alla ricerca in ambito agricolo, che svolge con la collaborazione di Università e Atenei, Ca' Mariuccia è stata in quest'ultimo anno e sempre più desidera essere, polo di aggregazione per il territorio circostante, una zona dalla profonda vocazione rurale e sensibile alle tradizioni popolari.

 

Le danze popolari rivelano le tradizioni culturali e folkloristiche di molte culture antiche e moderne. Queste danze esprimevano ed accompagnavano l'uomo nella sua vita quotidiana. Si danzava per manifestare la gioia di un raccolto abbondante nelle campagne, per festeggiare l'arrivo di sole e della primavera.

 

Da sempre le cascine sono i luoghi che hanno favorito la condivisione, lo scambio e le relazioni e oggi più che mai, inserite nel contesto urbano e periurbano, diventano nodi essenziali nella creazione di reti e nella realizzazione di buone pratiche mettendo in relazione persone, competenze e interessi spesso molto diversi tra loro.

 

 

VENERDÌ 14 LUGLIO - ore 21.30
SIMONE CAMPA & L'ORCHESTRA SUONATORI
DALLA PIZZICA ALLE TARANTELLE, LE DANZE DEL SUD ITALIA

Simone Campa, musicista e ricercatore di tradizioni popolari italiane ed extraeuropee, fondatore, direttore artistico della Compagnia Artistica La Paranza del Geco di Torino, insieme a un ensemble di suonatori polistrumentisti di Puglia, Calabria, Campania e Basilicata, accompagnerà il pubblico in un appassionante concerto in cui i ballabili popolari si alterneranno ai ritmi incalzanti dei suoni a ballo, dalle tarantelle alla pizzica pizzica del Salento e della Bassa Murgia.

 

Il progetto musicale Orchestra Suonatori propone infatti un ampio repertorio di brani per il ballo, orchestrati ed eseguiti rispettandone la strumentazione e gli stili musicali tradizionali. Il vivace repertorio attraversa i balli allacciati popolari (valzer e mazurca della Sicilia, scozjë della Bassa Murgia, polca della Puglia, quadriglie comandate dell'Irpinia e del cosentino), ed i ritmi più festosi di tarantelle della Locride e tarantelle "zingarote" dello Ionio, pastorali alla zampogna a chiave, balli sul tamburo di area vesuviana.

 

SABATO 15 LUGLIO
LO TRUC
MUSICHE E BALLI DELLA TRADIZIONE OCCITANA

Lo Truc nasce nel 2003 con l'intento di proporre musica occitana da ballo e da ascolto, sia tradizionale sia di composizione, e cercando, grazie alla poliedricità dei tre musicisti, di esplorare varie combinazioni di suoni e strumenti. Il gruppo è formato da: Simone Lombardo (ghironda, cornamusa, fifre, zufoli, galoubet e tambourin
), Simonetta Baudino (organetto e ghironda) e Claudio Marassi (organetto e clarinetto).

 

Lo Truc ha suonato in diverse manifestazioni tenutesi nel territorio occitano italiano e francese, in Liguria, in Calabria e ha registrato due cd ("L'Aura" nel 2009 e "Teramar" nel 2012, prodotti dalla "Borgatti Edizioni Musicali" di Casalecchio di Reno –Bo-). Lo spettacolo proposto è un viaggio tra le sonorità caratteristiche delle terre occitane, partendo dalle vallate d'oc piemontesi (terra di provenienza dei tre musicisti) e arrivando fino ai Pirenei. Le melodie eseguite sono tutte concepite per il ballo ma anche per il semplice ascolto grazie alla cura e alla varietà
degli arrangiamenti. Per l'occasione il trio si trasforma in quartetto con la fisarmonica e la chitarra di Giuseppe Quattromini, musicista che suona in diverse formazioni occitane e non.

 

DOMENICA 16 LUGLIO
OSTERIA DEL MANDOLINO

ANTONIO STRAGAPEDE - Mandolino, Chitarra
DOMENICO CELIBERTI - Voce, Mandolino
FEDERICO MASSARENTI - Ocarina di Budrio
MASSIMO PAUSELLI - Clarinetto
NICOLÒ SCALABRIN - Chitarra
PEPPE AIELLO – Contrabbasso

Osteria del Mandolino è una formazione musicale che nasce con lo scopo di riportare alla luce e all'attenzione del pubblico la musica che si sviluppa in Italia dalla seconda metà dell'800 fino ai nostri giorni, attraverso autori illustri, virtuosi musicisti, brani originali e soprattutto attraverso il ballo.


Valzer, Polka, Mazurka, Marcia, Serenata, costituiscono il repertorio dei cosiddetti "ballabili", musica che si ascolta e si può, anzi si deve, anche ballare. Questa musica, troppo spesso maltrattata da suoni finti e tastiere elettroniche, riprende vita nella sua forma originaria attraverso l'uso degli strumenti più diffusi nella nostra tradizione.


Mandolini, ocarina, clarinetto, chitarra e contrabbasso si incontrano all' Osteria del Mandolino, un luogo dell'anima nato dalle nebbie del passato, un luogo nel quale cose antiche tornano a vivere e dove è ancora possibile ascoltare una serenata, avere vent'anni e ballare abbracciati, ed in un percorso di ri-conoscenza entrare in contatto con la parte più intima e vera di noi stessi. È con questo spirito, quello delle osterie, che può capitare l'incursione di altri amici e musicisti.


Il nome "OSTERIA DEL MANDOLINO" è un omaggio ad un mondo non accademico che ha contribuito enormemente allo sviluppo e alla diffusione dei repertori. Le osterie, infatti, insieme alle sale da ballo, erano luoghi dove si riunivano a suonare i musicisti e dove si potevano ascoltare grandi maestri italiani, con un rispetto oggi quasi dimenticato. Suonare questi strumenti, questo repertorio, è come tornare a casa dopo aver viaggiato tanto e nel compiere questo ritorno ecco l'incontro con l'ocarina, terra bolognese che suona, dal 1853. Questa terra, che strappata ai piedi dei danzatori si fa suono, ne rende più leggeri i passi e più vorticosi i frulli.

 

LA CASCINA OGGI E DOMANI

Ca' Mariuccia è un tipico casale piemontese di circa 1200 mq costruito tra fine '800 e inizi '900 e da sempre destinato ad azienda agricola per la coltivazione di nocciole e la produzione vitivinicola. I lavori di ristrutturazione hanno seguito le pratiche e i principi dell'autocostruzione e della costruzione partecipata con l'utilizzo di materiali naturali o il riutilizzo di materiali di recupero e hanno coinvolto diversi volontari, appassionati e studenti che desideravano apprendere metodi di costruzione partecipata.

Oltre all'offerta enogastronomica del ristorante e all'ospitalità del B&B, Ca' Mariuccia - in collaborazione con la SAN Scuola di Agricoltura Naturale - organizza durante l'anno corsi di agricoltura naturale, permacultura e nuove pratiche agricole orientate alla salvaguardia dell'ambiente e alla riduzione dell'uso della chimica; ospita incontri e presentazioni di libri con esperti e divulgatori, collabora con le Università, con il territorio e con altre aziende agricole.

Ca' Mariuccia - Località Sant'Emiliano, 2
14022 Albugnano (AT) 335 75 07 496
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.camariuccia.it

condividi:

FacebookTwitterGoogle BookmarksRedditLinkedinPinterest

Joomla SEF URLs by Artio